:::: MENU ::::
Articoli in categoria: Notizie

Come eliminare acne dal viso

L’acne è un problema estetico che si presenta sulla pelle di moltissime persone. Purtroppo eliminare l’acne dalla pelle del viso non è sempre semplice. Infatti gli ormoni causano la comparsa dell’acne sulla pelle “specialmente su quella degli adolescenti e dei più giovani”. Per eliminare l’acne da viso bisogna seguire alcune regole che ora vi spiegherò:

Come eliminarle l’acne dalla pelle del viso e prevenirne la ricomparsa

Per eliminare l’acne dalla pelle del viso è fondamentale seguire una dieta povera di zuccheri e grassi saturi. Infatti gli alimenti ricchi di zuccheri, conservanti e grassi favoriscono la nascita dell’acne sulla pelle. Al contrario è molto utile mangiare molta verdura e moltissima frutta. Le vitamine e i sali minerali aiutano il corpo ad essere non solo più idratato ma anche più sano.

Un altro valido alleato per combatter l’acne dall’interno è bere molta acqua. L’acqua è l’elemento fondamentale che compone il corpo umano. Bibite alcoliche ed analcoliche, al contrario dell’acqua, favoriscono la nascita e la crescita dell’acne. Anche lo sport è un valido alleato per la bellezza della pelle. Quando si fa molto sport la pelle rimane più giovane, più tonica e più bella.

Dopo lo sport è fondamentale lavare accuratamente con un bagnoschiuma che rispetti il Ph naturale della pelle, prevenendo così l’insorgere dell’acne sulla stessa. Lavare il viso con prodotti anti acne è molto utile per guarire dall’acne e prevenirne la comparsa. In profumeria, nei supermercati e per i casi più difficili in farmacia esistono moltissimi prodotti utili per l’igiene personale del viso e la pulizia della pelle per l’eliminazione e la prevenzione dei segni dell’acne.

Inoltre, negli ultimi anni, sono stati creati dei dispositivi come ad esempio Face-Up che permetto di eseguire una pulizia profonda della pelle. Spesso infatti la semplice pulizia non basta per eliminare tutti i germi e i batteri che si depositano nell’arco del giorno e della notte sulla pelle. Con un dispositivo per la pulizia come Face-Up è possibile pulire totalmente il viso ed curare acne.

– Idratare correttamente la pelle è fondamentale per evitare che l’acne possa nascere. Per scegliere la vostra crema idratante perfetta vi consiglio di scoprire prima che fototipo di pelle avete. In questo modo vi sarà molto più semplice selezionare la perfetta crema idratante per contrastare l’acne.

– Non schiacciare l’acne. Moltissime persone schiacciano i punti di acne con le dita pensando di evitare alcune cicatrici e sbarazzarsi in fretta del problema. In realtà schiacciare l’acne può solo peggiorare l’infezione creata dalla stessa e favorire la successiva formazione di eventuali cicatrici.

– Evitare le lampade abbronzanti. Le lampade abbronzanti e l’esposizione al sole nelle ore più calde della giornata può favorire o peggiorare i problemi creati dall’acne. Per questo motivo è fondamentale evitare l’esposizione a lampade abbronzanti artificiali e l’esposizione nelle ore più calde della giornata. Ciò nonostante è molto utile esporsi al sole ma la pelle deve essere protetta con una protezione solare adeguata alla propria tipologia di pelle.

Seguendo queste regole e continuando il trattamento per la cura dell’acne, il quale può durare dalle 3 settimane ai 6 mesi a seconda della gravità del problema, la vostra pelle sarà perfetta e libera dal problema dell’acne.


Cardiofrequenzimetro: come conoscere il cuore

come conoscere il cuore con cardiofrequenzimetro

Ho sempre amato fare sport, ho cominciato con ottime camminate in montagna, fino a diventare un ‘camminatore’ professionista,me molto spesso vado in montagna per allenarmi. Ho quasi sempre bisogno di spazi verdi, naturali per allenarmi nel modo giusto, per cui ho anche deciso di vivere lontano dalla città, ma non è di questo che vorrei parlarti oggi. Facendo molta attività fisica, devo tenere il mio corpo controllato costantemente, quindi faccio esami molto spesso, seguo una dieta ben precisa, e quando vanno in montagna per le mi è camminate utilizzo il mio cardiofrequenzimetro senza fascia.

Credo sia un’ottima trovata della tecnologia, specialmente per noi sportivi, si tratta di un dispositivo che calcola il battito del tuo cuore, principalmente, di conseguenza, grazie a questo strumento posso tenere i miei battiti sotto controllo, monitorandoli, credo sia molto importante soprattutto per chi compie uno sforzo come il mio, questo tipo di attività richiede anche molta resistenza e il cuore e constante mente sotto sforzo.

Grazie al cardio frequenzimetro posso sapere quanti battiti al minuto, e anche come migliorano le mie prestazioni, sempre grazie ai battiti, inoltre, io ne ho diversi, alcuni modelli di base mi permettono solo di calcolare l’attività cardiaca, altri di dirmi anche le calorie che brucio oppure di sapere quanti chilometri sto percorrendo. Ora spiego meglio, per prima cosa occorre specificare che esistono due tipologie, la fascia che si mette intorno al torace, e il sensore che si collega al dito; come puoi immaginare da sola, la fascia risulta molto più precisa nel calcolare i battiti ed ha molte più funzioni rispetto alla versione da dito per cui solitamente costa di più.

E anche possibile trovare dei cardio frequenzimetri da dito più avanzati, ma generalmente la versione a fascia toracica può aiutare di più uno sportivo. Io ho entrambe le versioni, dipende da quello che faccio da dove vado, quanti chilometri decido di percorrere per il mio allenamento. Solitamente, quando vado con la mia famiglia, porto quello a dito, mentre per i miei allenamenti, dato che ho bisogno di più informazioni, utilizzo la fascia, soprattutto perché me ho una integrata con sistema GPS, che memorizza il tracciato percorso.

Mi aiuta negli allenamenti!

Molte persone mi avevano sconsigliato il modello a fascia, dicendomi che era più fastidioso; in effetti potrebbe essere, ma come ogni cosa, credo si trattati anche di abitudine. Se stai pensando di acquistare in cardio frequenzimetro per svolgere meglio la tua attività fisica-sportiva, o per motivi di riabilitazione, ti consiglio un modello con la fascia, perché ti potrà aiutare molto, aumentando anche il tuo allenamento, sono come dei personal trainer elettronici. Dall’altro canto, se non hai troppe pretese e vuoi cominciare a capire come funziona il tuo cuore sotto sforzo anche un cardiofrequenzimetro a dito soddisferà le tue esigenze.


Il frullatore che mi semplifica la vita!

frullatore che semplifica la vita

Io credo che sia giusto che qui in questo mio blog si giunga anche a provare e fare una specie di prova fatta insieme di questo prodotto che, esploso di recente come uno dei modelli di maggiore e più autonoma e propria utilità, ossia e appunto i cosiddetti frullatori automatici o elettrici, i quali possono aiutare le casalinghe italiane a riposarsi un poco ogni tanto e ogni volta anche perché e appunto ci pensa il frullatore stesso a sminuzzare e a ridurre in buona poltiglia gli ingredienti per le tue pietanze. E per quello che io ho provato, in effetti, esso funziona nel miglior modo possibile.

Sono questi degli strumenti dotati di lame le quali ruotano su se stesse e in questo modo tagliano gli ingredienti, che è ovvio non dovranno mica essere troppo duri, perché se no quando toccano un ostacolo troppo duro si fermano e magari si rompono pure, e in questo modo evitano di frantumarsi in mille pezzi. Tali precauzioni infatti possono essere utili, in quanto potrebbe tale frullatore altrimenti rompersi e dover essere sostituito. Io vi dico solo di stare ben attenti a tutto ciò che riguarda la protezione di un oggetto che comunque ha un certo prezzo, a cui stare ben attenti.

In sé e per sé, dunque, tale frullatore automatico offre una grande funzione di sminuzzamento per ortaggi, e frutta, e molte altre cose in casa vostra, e a partire dalla quale allora io vi chiedo e vi invito a stare bene attenti contro ogni cosa o movimento e così via, i quali possono infatti determinare un problema a priori che dovrete non solo superare, ma anche e pure se riuscite a prevenire. La prevenzione dei rischi è infatti in sé e per sé ogni posizione di opportunità e convenienze. Se ne avete mai già provate, scrivetemi le vostre opinioni e fatemelo sapere, cosa ne dite? Grazie mille cari i miei lettori e care le mie lettrici!

Lo strumento che diviene un valore aggiunto

In questo modo, sia chiaro come io ve lo dico, è ben possibile che in sé e per sé questo determina e aiuta a in sé e per sé a ottenere tutto quanto e tutto ciò che si è riuscito a ottenere grazie alla tutela e a un acquisto di un frullatore, e il che vi aiuta con un semplice acquisto a ottenere un risparmio di tempo in cucina a dir poco utile se non fondamentale. Io vi chiedo allora, se ancora non avete un robot di questo genere, per quali motivi non la abbiate comprate.


La mia nuova bici pieghevole!

la mia nuova bici pieghevole

E alla fine la ho comprata per davvero: anche io sono un fiero possessore di una bella e comoda bici pieghevole di ultima generazione, ultra leggera e comoda da portare in giro, ma è anche e pure molto accessoriata, con tutte le varie selezioni di cambio che io ritengo utili e necessarie. Tanti cambi, sellino comodo e anche un simpatico campanellino. Fa più casino che altro a dire tutto il vero, ma a me piace e tanto mi basta in fondo.

Sia pure dunque e che io debba qui parlarvi del mio nuovo acquisto giusto per farmi un po’ il vanto di quanto bella sia, ma anche e pure per dirvi che a oggi sulla rete si possono trovare ottimi sconti e promozioni per chi vuole comprare una bella e nuova bici pieghevole. Io consiglio a tutti voi di provare anche e già e pure solo a fare una ricerca in rete per vedere se trovate quello che cercate e che dunque vi possa interessare qui e ora, pure in ragione del vostro budget specifico è chiaro.

Ma vi posso di per certo assicurare che questo è un gran bel periodo per approfittare di buoni e tanti sconti online e in giro per la rete, anche e in specie sulle bici pieghevoli, che ne abbondano su siti di aste online ma anche e pure e non solo su siti di market online e per un po’ di buono e modico shopping sulla rete. Questo tutto comodi comodi dalla sedia o dalla vostra poltrona di fronte al vostro pc o computer portatile o tablet o smartphone che sia. In ogni caso, gli sconti li trovate lo stesso.

Tanto comoda quanto economica

Eh sì, dico proprio così e perché lo penso non mica perché mi passa per la testa di riempire un post con qualche parola a caso giusto per far numero! E anzi se doveste avere qualche dubbio su quale bici pieghevole scegliere non esitate a scrivermi, che sia qui nei commenti o invece e anche dalla pagina dei contatti, dato che per un buon e mio consiglio non chiedo certo e mica una parcella eh, sia ben chiaro. Anche perché non sono un esperto.

Ma al contempo e pure è ben probabile che io sappia indicarvi dove ho trovato questi sconti interessanti e così indirizzarvi fin da subito sui siti migliori o sui comparatori di prezzo più utili sulla rete.


Reporter d’assalto e inviati

Reporter d' assalto e inviati

Ci sono molti fotografi che esercitano la loro passione al servizio dei servizi di informazione, dai giornali, alle riviste e ai telegiornali. E qui io non sto di per certo parlando di fotografi di gossip per riviste patinate di ben poco valore, per i quali non ho in fondo una grande considerazione, quanto piuttosto di chi investe le proprie capacità, la propria passione e il proprio talento per la corretta informazione e per la ripresa delle immagini più vere in ambienti lontani e disagiati della Terra.

Da questo punto di vista insomma è di per certo un esempio emblematico la figura del fotografo inviato al fronte, il quale inoltre è una delle figura professionali che in questo ambito più affascina le persone, e anche i più giovani per quanto ne so io e per quanto io stesso ho vissuto. Certo è che una simile professione non è per nulla semplice, e anzi porta a porre a rischio la propria stessa vita, e non è come voi ben potete intuire una cosa da poco, anzi!

Dunque non è una scelta facile quella di intraprendere questo lavoro votato alla verità e alla informazione, e insieme al reportage e alla informazione su ambienti disagiati, a rischio, in guerra, o in chissà quali altre situazioni di per certo ad alto tasso di rischio. Eppure, vi è chi continua e si ostina in tale professione, e molti di loro meritano il nostro più pieno e più sincero rispetto, come spero voi stessi già ben sappiate e facciate.

E voi cosa ne pensate?

Qui mi piacerebbe sentire anche quale sia sul punto e in questa sede qui proprio la vostra opinione sul punto: insomma, avete mai pensato di intraprendere questa carriera? Vi siete mai chiesti come potrebbe essere, o conoscete qualcuno che svolga questo lavoro? Mi piacerebbe che su questo punto specifico si potesse cominciare a parlare e discutere, e magari anche a partire dalla figura di Steve McCurry, perché no? In fondo, se siete capitati su questo blog è anche per lui, o sbaglio?

Io comunque ritengo opportuno che voi approfondiate la vostra informazione sul tema, anche se non doveste essere interessati in un simile lavoro, di per certo non adatto a chi non abbia tutte le piene intenzioni di dirigersi in tal senso. Se avete qualcosa da dire sul punto, allora, scrivetemi qui nei commenti oppure dalla pagina “Contatti”, e vediamo cosa ne viene fuori!